Mazda Skyactiv-X, il motore benzina che consuma come un diesel

Mazda Skyactiv-X, il motore benzina che consuma come un diesel Mazda Skyactiv-X, il motore benzina che consuma come un diesel

09/08/2018


Mentre il mercato vira totalmente verso la propulsione ibrida o completamente elettrica, in casa Mazda c’è chi ancora crede fortemente nel classico motore a combustione interna. Gli ingegneri giapponesi sono al lavoro su un nuovo motore a benzina capace di ridurre notevolmente consumi ed emissioni. Oltre al ritorno del motore Wankel, i tecnici di Hiroshima hanno completamente rivoluzionato il ciclo di funzionamento del classico propulsore a benzina.

Il propulsore Skyactiv-X utilizza l’innovativo sistema di combustione SPCCI (SPark-Controlled Compression Ignition) che prende in prestito alcune caratteristiche dei motori diesel. Il principio alla base prevede l’accensione della miscela aria-carburante non più per scintilla ma per compressione, come in un diesel.

Il funzionamento del sistema SPCCI prevede l’utilizzo di una miscela “magra” (maggiore quantità di aria rispetto alla benzina) per ridurre i consumi. Questa miscela riesce ad esplodere grazie alla forte compressione generata all’interno del cilindro da un piccolo compressore installato sulla testata. Questa particolare soluzione migliora notevolmente l’efficienza della combustione e riesce a fornire una risposta più rapida da parte del motore. La candela d'accensione è ancora presente ed è la centralina a gestire il funzionamento del motore alternando accensione per compressione ad accensione tramite scintilla, il tutto col fine di ridurre i consumi senza subire cali nelle prestazioni.

La compressione non serve dunque a fornire semplicemente maggiore potenza, come nei motori turbo, ma contribuisce a rendere il motore più “pulito”. Per massimizzare l’efficienza è necessario che la compressione sia quanto più rapida possibile ed il motore Skyactiv-X è dotato di una serie di iniettori multiforo capaci di iniettare benzina ad altissima pressione e gestire al meglio la stabilità di accensione. Mazda conferma un incremento della coppia tra il 10 ed il 30% rispetto agli attuali benzina Skyactiv-G e l’efficienza nei consumi risulterebbe pari o addirittura superiore ad un propulsore diesel. Attualmente la tecnologia Skyactiv-X è ancora in fase di sviluppo, ma Mazda punta ad introdurla sul mercato per il 2019. Un obiettivo ambizioso che potrebbe dare nuova vita ai classici motori benzina.





TORNA INDIETRO